Ultime news

Ricerca nel nostro sito web

guida strutture roulotte

Benché ormai,si usi il termine camperista pensando di contenere in questa espressione tutti i praticanti il turismo all’aria aperta, la realtà è più differenziata.

Infatti, anche se molte caravan,ben mimetizzatee nascosteda un preingresso, sonofermecome insediamentostanziale in un campeggio, ci sonoappassionati che continuano ad agganciareogni week end la loro roulotte,per passare alcuni giorni in un campeggioa contatto con la natura, gustando cibi e prodotti locali, o visitandocittà d’arte, e quella stessa roulottesarà il mezzo con cui viaggeranno e vivranno le loro vacanze durante l’anno.

Il campeggio è l’approdo di elezione per il caravanista, lì troverà tutti i servizi necessari e spesso incontrerà nuovi e vecchi amici con cui passare piacevoli serate,discorrendo delle esperienze passate e dei futuri progetti di viaggio, davanti a un buon bicchiere o a una fumante spaghettata.

Tuttavia, anche la caravan si è evoluta, mentre nell’aspetto esteriore non si notano differenze tra un modello attuale e uno del passato,oltre alle diversità del design, nelle attrezzature tecniche le differenze sono molte e sostanziali. Mutuando alcunedelle caratteristiche dei camper e introducendo novità peculiari delle roulotte, i mezzi, oltre ad essere più sicuri durante il traino e richiedere meno fatica durantela sistemazione nelle piazzole, hanno raggiunto un livello di autonomia energetica, di capacità dei serbatoi dell’acqua potabile e di quelli di accumulo delle acque grigie e nere, tali da renderle adatte anche alla sosta in aree attrezzate.

Ci siamo chiesti, quindi, come mai nelle aree di sosta trovassimo quasi sempre solo i camper. Scorrendo la legislazione, purtroppo diversa in ogni regione, abbiamo notato che normalmente non esistonodisposizioni che neganol’accesso alle roulotte in queste strutture. Attualmentesi presentano varie situazioni, in qualche caso è il gestore stesso che preferisce avere solo i camper per non dovere gestire due mezzi che richiedono più spazi, in altri casi può essere il comune che concede autorizzazione solo per area camper, oppure quella che a noi appare come un’area è, in realtà, un parcheggio, dove un complesso di veicoli dovrebbesostare collegato.

Scarica il pdf a cura della Federazione Campeggiatori Liguria


pdf.pngAree Sosta e Agriturismi in Italia

2021 SDC 720x90

Fiere di Parma. Dall’11 al 19 settembre 2021, 150 mila metri quadrati di superficie espositiva per scoprire tutte le novità del settore : TORNA A PARMA IL SALONE DEL CAMPER

In libertà, ma in sicurezza: l’estate 2021 sarà in camper.

Nel 2020 + 7,44% nuove immatricolazioni.

Voglia di libertà e di vita all’aria aperta. Le vacanze in camper sono state il trend dell’estate 2020 e si candidano a essere nella top list delle scelte degli italiani anche nel 2021. Punto di riferimento per tutti gli appassionati, il Salone del Camper torna a Fiere di Parma dall’11 al 19 settembre 2021.

Organizzato con APC, Associazione Produttori Caravan e Camper, con i suoi 150 mila metri quadrati il Salone del Camper è uno dei principali eventi internazionali di settore. L’esposizione si rivolge a chi del camper ha fatto una filosofia di vita, ma anche a chi si sta avvicinando a questo mondo e vuole scoprirne novità e segreti. Perché il futuro del turismo è proprio l’outdoor, sinonimo di una vacanza libera, sicura, che sa regalare emozioni.
La fiera si sviluppa su 5 padiglioni che ospitano diverse aree merceologiche: Caravan e Camper, dove sono presenti le più importanti aziende europee del settore; Accessori per i veicoli e complementi utili a rendere più confortevole la vacanza; Shopping, con prodotti per la vita outdoor e per i piccoli spazi; Percorsi e mete, sezione di promozione turistica per conoscere luoghi e destinazioni ideali per il turismo in libertà.

pdf.pngComunicato Stampa - Salone del Camper 2021 - Fiere di Parma

 

PRENOTA SERENAMENTE LA TUA VACANZA ESTIVA

Il tuo DESIDERIO D'ESTATE si realizza con

SCONTO DEL 20%  (diritti fissi esclusi) e CANCELLAZIONE GRATUITA ENTRO IL 31 MAGGIO
validi per prenotazioni dal 1 al 30 aprile 2021 per viaggiare dal 15 giugno al 15 settembre per SARDEGNA, SICILIA, SPAGNA E GRECIA (da Brindisi)

Scopri i dettagli dell'offerta

Le Associazioni di settore: ACTItalia, APC, Assocamp, Confedercampeggio, Promocamp e Unione Club Amici, chiedono che le autocaravan e le caravan siano considerate in deroga rispetto ai limiti di circolazione imposti dai DPCM emanati a seguito della pandemia in corso, poiché circolano meno di tutti gli altri mezzi, sono veicoli da turismo utilizzati dalle famiglie e portano benefici economici al territorio nazionale, frequentano esclusivamente aree di sosta attrezzate e campeggi e non generano assembramenti.
ACTItalia, APC, Assocamp, Confedercampeggio, Promocamp e Unione Club Amici, sono fortemente preoccupati per le tante famiglie di camperisti che vengono penalizzate non potendosi spostare liberamente a causa dei blocchi imposti dai DPCM.
I fruitori di veicoli ricreazionali sono turisti itineranti che creano un indotto economico valutato a livello nazionale in circa 2,6 miliardi di euro annui e sono sempre di più parte integrante del rilancio turistico del nostro Paese.
Favorire lo spostamento di caravan e autocaravan contribuisce ad alimentare l’economia di tutti quei comuni che accolgono volentieri i turisti in plein air e desiderano sfruttare questo indotto anche nei periodi di minor afflusso.
Perché chiediamo che le autocaravan e le caravan possano circolare liberamente in tutte le regioni, indipendentemente dal colore attribuite alle stesse, in deroga ai Dpcm emanati dal Governo?
Perché:

  • In Italia circolano circa 250.000 autocaravan ma vengono sistematicamente ignorate in ogni decreto
  • Le autocaravan e le caravan sono veicoli a uso turistico, che si muovono sul territorio per periodi limitati e rispettando l’ambiente e generano un indotto economico molto rilevante
  • Le autocaravan e le caravan vanno considerate alla stessa stregua delle seconde case perchè permettono alle famiglie un evasione dallo stress da confinamento senza per questo pregiudicarne la sicurezza propria e degli altri
  • I mezzi ricreazionali, utilizzati da persone dello stesso nucleo famigliare, non hanno necessità di frequentare bagni pubblici in quanto sono dotati di servizi igienici
  • Sotto il profilo sanitario le autocaravan e le caravan sono certamente idonei a mantenere il distanziamento sociale e non generano assembramenti in quanto vengono usati in ambito prettamente familiare
  • Le autocaravan e le caravan possano raggiungere, previa prenotazione, aree di sosta attrezzate o campeggi che accolgono i veicoli ricreazionali
  • Lasciare ai turisti in plein air la libertà richiesta aiuta economicamente il territorio in questo momento di crisi
  • Il turismo itinerante in autocaravan e caravan è praticato tutto l’anno e non deve essere considerato un turismo di serie B perchè genera un indotto economico molto rilevante anche fuori stagione e anche in località lontane dal turismo di massa (borghi, zone rurali ecc) favorendo l’economia a km 0.

 

pdf.pngLettera al Presidente del Consiglio dei Ministri del 25/03/2021